Icone D’incanto, una poesia di Enzo Tafuri

  • Written by admin
  • 03/11/2015 at 18:09
  • عفوا، هذه المدخلة موجودة فقط في الإيطالية. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

    Il poeta di Vietri sul Mare Enzo Tafuri dedica una poesia alla Borsa dal titolo Icone D’incanto

    Nasce lento il trepido giorno, palpito di colori
    nel respiro frizzante.

    Pacato riflesso, l’arcata al mare spazia l’onda,
    punta  Licosa al bacio di sole

    Rassegna di scena, la Borsa svetta iridescenti
    candori, staglia il cielo come alata mongolfiera.

    Schiere di volti pastellano figure nel ritmo sereno.

    Mani delicate plasmano argille, fluido torniante
    di terracotte brunite.

    Il passo sfiora umori di terra, seno racchiuso,
    genesi antiche, orme di storia.

    È morbido, lento l’incedere elastico,
    tappeto di germogli, petali di rugiada.

    L’eco sospeso come coro di fanciulli.

    Voci, versi, sussurri delicati avvolgono
    il pensiero, icone d’incanto.

    L’aroma di caffe ’dirimpetta il Tempio.

    Cerere canta il fuoco della sera.

    L’abbraccio muto, immutato brivido
    come un cosmico guizzo di luce.

    Paestum, li 1 novembre 2015