#Unite4Heritage for Palmyra

  •  

    La tragedia che insanguina il Vicino Oriente sta mettendo in pericolo l’esistenza, non solo delle persone, uccise o costrette alla fuga e all’esilio, ma anche di patrimoni culturali, che rappresentano allo stesso tempo storia e identità di civiltà.

    La Siria è la regione dove si è sviluppata la civiltà urbana e la straordinaria città carovaniera di Palmira, all’interno di un’oasi verdeggiante, è simbolo di incontro di culture.
    La Borsa, considerata sin dal suo inizio da Unesco e Unwto “best practice di dialogo interculturale”, quest’anno ha ritenuto di dare una attenzione rilevante a Palmira, inserendo nella propria immagine coordinata l’hashtag “#Unite4Heritage for Palmyra” unitamente a una foto del sito, dedicandole uno spazio nel salone espositivo, organizzando una conferenza con Fayrouz Asaadarcheologa figlia di Khaled al-Asaad già Direttore delle Antichità di Palmira e Mohamed Saleh, ultimo Direttore per il Turismo di Palmira e svolgendo la seconda edizione del prestigioso International Archaeological Discovery Award intitolato al suo archeologo Kaled Al-Asaad, che tutti ricordano per aver pagato con la vita la difesa del patrimonio.

    Palmyra Khaled Al Asaad Palmira