Exhibition and Workshop of Virtual Archaeologia

ArchaeoVirtual, in collaboration with the Istitute of Sciences of Cultural Heritage of CNR, has been the flagship of the Exchange for 15 editions.

Every year, since 2006, the exhibition showcases the most significant productions in the international panorama of digital technologies at the service of heritage. ArcheoVirtual accompanied visitors along the path of growth and affirmation of various technologies (3D graphics, mobile devices, touch and gestural interaction, etc.) through a narrative approach to the wonders of the past.

ArchaeoVirtual supports the Exhibition with the organization of a thematic workshop on the evolution of digital applications in cultural heritage, on the related professionalism and on the forms and techniques of storytelling of the past

For 2021, ArchaeoVirtual was presented by the CNR ISPC, Digital Heritage Innovation Laboratory, based in Rome, with the theme “New Interactions”, intended both from a technical and a social and narrative point of view. Almost all the applications of this edition do not require physical contact with surfaces, demonstrating the variety of touchless interaction tools, potentially available today for Museums, thanks to new technologies and strategies for collective use.
At the same time, we wanted to enhance new interactive methods in terms of forms of use of heritage and the relationship with the communities, presenting some of the most significant ongoing projects on the theme of Heritage Science.

____________________________________________________________

Per il 2019, ArcheoVirtual è stata presentata dal Laboratorio di Realtà Virtuale del CNR ISPC (www.ispc.cnr.it) il nuovo grande Istituto del Consiglio Nazionale delle Ricerche dedicato alle Scienze del Patrimonio Culturale e dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.
Il consueto sguardo di ArcheoVirtual all’evoluzione delle applicazioni digitali per i Beni Culturali si è rivolto al rinnovato interesse per le forme di narrazione (tradizionali e multimediali) del passato. Accanto ai crescenti esempi di video narrativi e non interattivi (fiction storica), anche le applicazioni più innovative come la realtà virtuale immersiva, sono in cerca di nuove metafore di narrazione.
ArcheoVirtual si è presentata nel 2019 nella sola veste audiovisuale, con un’area video che ha visto l’alternarsi di prodotti audio-visivi di grande impatto emozionale e un’alta resa grafica.

____________________________________________________________

Per il 2018, ArcheoVirtual è stata presentata dall’ITABC del CNR, Laboratorio di Realtà Virtuale, dalla Direzione Generale dei Musei del Mibac (DG Musei) e dalla BMTA, che hanno lavorato assieme per l’ideazione della Mostra, la selezione dei progetti e l’organizzazione del workshop tematico che da anni affianca questa importante esposizione temporanea.

____________________________________________________________

In occasione del Ventennale, nel 2017, il Jukebox di ArcheoVirtual è stato un cinema interattivo che ha consentito ai visitatori di scegliere e “ascoltare” i 54 migliori ricordi dell’ultimo decennio: dal museo virtuale della Cappella degli Scrovegni di Giotto a quello della Valle del Tevere, il viaggio attraversa i 132 progetti presentati alla mostra tra il 2006 e il 2017.